Unit 10.1

L’apostrofo

Download Download eBook Download ebook

Introduction

Ci sono casi in cui l’apostrofo è vietato e altri in cui è facoltativo.

Form

È vietato con alcuni articoli, pronomi e preposizioni seguiti da vocale.

È facoltativo, invece, in alcune preposizioni, pronomi e aggettivi. In questi casi la maggior parte delle volte viene usato, ma comunque non è obbligatorio.

Example

Non si mette l’apostrofo su:

  1. la iena, lo iato, da ieri;
  2. ci annoia, ci entusiasma, ci odia, ma c’invita;
  3. le amavo, li odiava, le scrivo una lettera;
  4. vado da un amico;
  5. qual è tuo figlio?

È facoltativo:

  1. Ho deciso dinvitare Marta a cena (o “di invitare”).
  2. lamava, mha detto, tavevo chiamato, ma anche la amava, mi aveva detto, ti avevo chiamato;
  3. questavventura, questultimo giorno, ma anche questa avventura e questo ultimo giorno.

Use

L’apostrofo è vietato:

  1. con gli articoli, gli aggettivi e le preposizioni seguiti da parole che iniziano con la i semiconsonante;
  2. con il pronome ci seguito da una vocale (diversa da i);
  3. con i pronomi atoni le, li in funzione di complemento oggetto e con il pronome le in funzione di complemento di termine;
  4. con la preposizione da, per non confonderla con “di” (tranne nei casi visti nel precedente livello);
  5. con qual anche se è femminile, perché non è un’elisione ma un troncamento.

È facoltativo, invece:

  1. con la preposizione di;
  2. con i pronomi personali lo, la, mi, ti, si vi, ne;
  3. con l’aggettivo questo/a.

 

Books4Languages feedback

License

Italian Orthography B2 Level Copyright © 2018 by books4languages. All Rights Reserved.

Copy link